Fotovoltaico, sulle tariffe il trattamento fiscale è di favore

Per chi agisce in qualità di privato, utilizzando l’impianto fotovoltaico unicamente a scopi personali, quindi non commerciali, i criteri di agevolazione fiscale adottati dal I al IV Conto Energia che si traducono nella non-imponibilità nel Modello 730 della cosiddetta “tariffa incentivante”, continuano ad essere validi anche per il V Conto Energia. Lo dice la stessa Agenzia delle Entrate nella Circolare 36/2013: “Nel ricordare che le indicazioni rese nella Circolare 46/E del 2007 continuano ad esplicare effetti con riferimento a tutti i Conti energia dal Primo fino al Quarto, si ritiene che per i principi in esso contenuti (cioè nel Quarto Conto Energia, ndr) lo stesso costituisca un punto di riferimento anche per il Quinto conto energia”.

Poi, sempre la Circolare 36/2013, fa una differenza tra “Tariffa premio” e “Tariffa omnicomprensiva”, ma la sostanza per chi, appunto, non svolge un’attività commerciale è sempre la stessa: non imponibilità fiscale. Scrive l’Agenzia che “lo scopo della tariffa premio è, dunque, quello di spingere il produttore ad utilizzare l'energia prodotta incrementando il risparmio che lo stesso già consegue non acquistando energia elettrica, con un ulteriore vantaggio economico che consente al titolare dell'impianto di recuperare i costi sostenuti per effettuare l'investimento”. In tal senso la ‘tariffa premio’ è allora assimilabile alla ‘tariffa incentivante’ di cui al citato articolo 7 del decreto legislativo n. 387 del 2003; conseguentemente, in linea con quanto già chiarito nella Circolare n. 46/E del 2007, la stessa rappresenta un contributo a fondo perduto che:

1. ai fini IVA risulta escluso dal campo di applicazione, in quanto non vi è alcun rapporto sinallagmatico tra il soggetto erogante e il soggetto ricevente la tariffa anche nel caso in cui sia corrisposta a soggetti che realizzano l'impianto fotovoltaico nell'esercizio di un'attività di impresa, arte o professione; 2. ai fini delle imposte dirette e dell'IRAP è imponibile se percepita nell'ambito di un'attività commerciale;

3. ai fini delle ritenute, è assoggettata alla ritenuta alla fonte a titolo di acconto del 4% ai sensi del comma 2, dell'articolo 28, del DPR n. 600 del 1973, qualora sia corrisposta ad imprese o ad enti non commerciali per gli impianti che attengono all'attività commerciale.

Nel caso, allora, di un utilizzo dell’impianto per scopi privati, vale a dire quando il soggetto produce energia elettrica esclusivamente per uso domestico, la tariffa incentivante percepita dal responsabile dell’impianto non assume alcuna rilevanza dal punto di vista tributario, sia ai fini IVA sia ai fini delle imposte dirette, configurando un contributo a fondo perduto non riconducibile ad alcuna delle categorie reddituali di cui all’articolo 6, comma 1, del TUIR (Classificazione dei redditi). In particolare, la tariffa non è riconducibile neppure alla categoria dei ‘redditi diversi’, in quanto non rientra in alcuna delle ipotesi contemplate dall’articolo 67 del TUIR”.

La "tariffa omnicomprensiva" è invece l'incentivo che viene erogato dal GSE (Gestore Servizio Elettrico) al responsabile dell'impianto fotovoltaico, in relazione all'energia prodotta in eccesso e immessa in rete. La tariffa è così denominata appunto perché oltre a incorporare una quota incentivante, include anche il corrispettivo per la vendita dell'energia al GSE. Fiscalmente tale tariffa, ancorché si componga di due quote, si configura come corrispettivo in quanto è corrisposta unitariamente a fronte dell'immissione in rete dell'energia elettrica prodotta e non auto consumata. Pertanto, poiché è erogata in relazione alla cessione di un bene (energia), la stessa, se percepita da un soggetto che svolge attività commerciale o agricola ai sensi degli articoli 2195 e 2135 del codice civile, ovvero attività di lavoro autonomo, è rilevante ai fini dell'IVA, delle imposte dirette e dell'IRAP.

Luca Napolitano

(Scopri Il730Online per compilare comodamente da casa la tua dichiarazione)
APRI E SCOPRI

News dal CAF ACLI

vedi tutte le news